Storie di biciclette

“Einstein e l'arte di andare in bicicletta”: i nostri consigli di lettura per gli amanti della bici

Di Travel On Art il 08-03-2018

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sui nuovi viaggi e sulle offerte

Torna al blog
Travel On Art

“Einstein e l'arte di andare in bicicletta”: i nostri consigli di lettura per gli amanti della bici

La primavera è alle porte, ma dopo questa ondata di freddo ci sembrava bello condividere qualche consiglio per rilassarsi e cosa ci può essere di meglio di un buon libro? “Einstein e l'arte di andare in bicicletta” è l’esordio alla scrittura del blogger Ben Irvine che ha voluto fare un’autentica dichiarazione d’amore alla bicicletta, sottolineando quanto questo mezzo di trasporto, se usato al massimo delle sue potenzialità, possa cambiarci la vita.

Einstein e l’arte di andare in bicicletta Il libro è un’autentica dichiarazione d’amore alla bicicletta che, se usata al massimo delle sue potenzialità, può cambiarci la vita

Consigli di lettura: un inno alla bicicletta

Nel libro “Einstein e l’arte di andare in bicicletta”, l’autore ha voluto fare un parallelismo molto mirata sul concetto di strada: secondo Irvine infatti la strada verso la felicità esiste davvero e si può percorrere spingendo sui pedali, in armonia con se stessi e con una natura che apprezziamo appieno grazie ai ritmi delle due ruote. Nessuna fretta e nessuno stress: grazie alla bici ogni persona può scegliere il ritmo più congeniale al proprio modus vivendi, dimostrando che l’amore per se stessi e per la natura passa anche dalle piccole e grandi scelte quotidiane.
Tra le pagine di questo libro appare chiaro che la bicicletta non è solo un mezzo di trasporto utile per effettuare i propri spostamenti, ma un’autentica fonte d’ispirazione per fare della propria vita un capolavoro. Ma che cosa c’entra Einstein in tutto questo? Il famoso scienziato, a proposito della teoria della relatività, ha spiegato come questa idea clamorosa sia nata proprio mentre era a bordo della sua bici. Partendo da questa dichiarazione, lo scrittore ha voluto condividere con il pubblico quella che è la sua esperienza personale: secondo Ben Irvine infatti in bicicletta è possibile recuperare il proprio equilibrio, imparando a non sbilanciarsi troppo a destra o a sinistra, in avanti o indietro. Ma soprattutto ognuno di noi può ritrovare la sua felicità, godendo appieno i benefici di una filosofia organica e integrata e sperimentiamo la magica gioia della curiosità.

Einstein e l’arte di andare in bicicletta Il libro "Einstein e l’arte di andare in bicicletta" è l'esordio letterario di Ben Irvine

Chi è lo scrittore Ben Irvine

Ben Irvine è originario dell’Australia, ma è cresciuto a East London. Dopo aver studiato Scienze Naturali e Filosofia presso l'Università di Durham, nel 2008 si è trasferito alla Cambridge University, dove ha completato il suo dottorato di ricerca in Storia e Filosofia della Scienza. Uno degli obiettivi del suo lavoro di scrittore, imprenditore e anche attivista consiste nel promuovere il concetto di benessere e cercare di diffonderlo al grande pubblico.
È fondatore del "Journal of Modern Wisdom", rivista in cui vengono pubblicati i saggi dei più importanti pensatori che hanno al centro della loro opera il concetto di saggezza, e di una rivista gratuita "Cycle Lifestyle" che ha il fine di evidenziare i benefici che può dare il ciclismo alla salute fisica e anche alla felicità. Inoltre Irvine fa parte del progetto "London Cycle Map Campaign", che si sta impegnando attivamente per la creazione di una grande mappa utile al ciclista che contenga la rete di piste ciclabili di tutta la capitale britannica: visti i nostri numerosi viaggi tra Londa e altre capitali europee non potremmo essere più d’accordo con questa proposta. “Einstein e l'arte di andare in bicicletta” è il suo primo libro: fateci sapere se vi è piaciuto e se avete altri consigli di lettura per noi, sono i benvenuti!

Einstein e l’arte di andare in bicicletta Secondo Irvine la strada verso la felicità esiste davvero e si può percorrere spingendo sui pedali


Articolo di Travel On Art