Consigli per cicloturisti

Come non farsi rubare la bici: guida pratica per ciclisti

Di Travel On Art il 07-12-2016

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sui nuovi viaggi e sulle offerte

Torna al blog
Travel On Art

Se sei un ciclista o un cicloturista e porti il tuo mezzo sempre con te, ti sarai chiesto diverse volte come non farsi rubare la bici e quali sono gli stratagemmi migliori per scoraggiare i ladri: sia in città mentre pedali per andare al lavoro, sia in vacanza.
I furti di bicicletta sono aumentati nel corso degli ultimi anni e per i ciclisti ormai è una battaglia quotidiana. Ti sarai accorto anche tu, infatti, che i ladri si sono molto evoluti rispetto a qualche anno fa, proprio per stare al passo con i più moderni e innovativi sistemi di sicurezza delle biciclette, che fortunatamente, migliorano di anno in anno.
Così abbiamo pensato di offrirti una guida pratica per ciclisti, con alcuni consigli su come non farsi rubare la bici, perché tu possa continuare pedalare a cuor leggero portando la tua bici sempre con te!
Come non farsi rubare la bici: guida pratica per ciclisti
1 | Definisci i tuoi parametri per la scelta del lucchetto
La scelta del lucchetto è molto delicata per non farsi rubare la bici. Ne esistono di ogni tipo, qualunque sia il livello di qualità della tua bicicletta, la durata delle tue soste e la pericolosità delle zone che frequenti. Sono questi tre infatti, i parametri di cui tener conto quando scegli il lucchetto più idoneo. Oltre a questo tieni presente anche che di solito, il costo del lucchetto dovrebbe essere circa un decimo del costo totale della bici.
Tutti vogliamo risparmiare, ma se si tratta della sicurezza della tua bici, sei sicuro che questa sia la scelta più corretta? I principali marchi di biciclette, così come le associazioni consigliano di spendere un pochino di più per un buon antifurto, così da non ritrovarsi sorprese successivamente!
Come non farsi rubare la bici: guida pratica per ciclisti
2 | Scegli la tipologia di antifurto più adeguata
I principali tipi di antifurto per bici in commercio sono: a cavo (rigido o a spirale), a catena, U-lock, antifurto fissi, a pitone, GPS e antifurto sonori. Ognuno di questi ha le proprie caratteristiche, così come punti di forza e di debolezza. Tieni presente che se la tua bici è di valore medio-alto e fai soste prolungate (superiori ai 15 minuti) gli antifurto più adatti per te sono gli U-lock, quelli a pitone e quelli a GPS, perché hanno caratteristiche di maggiore resistenza e affidabilità rispetto agli altri.
Se invece la tua bici è di valore medio-basso e le tue soste sono solitamente brevi, puoi optare anche per un antifurto a catena o a cavo, è importante però verificare che siano realizzati sempre con materiali di qualità.
 
3 | Scegli il metodo più sicuro per legarla
Ci sono diversi metodi per legare la bicicletta, a seconda ovviamente del tipo di antifurto che hai e del supporto che trovi mentre sei in viaggio (spesso in città non è semplice trovare supporti adeguati). Tieni presente una cosa quando leghi la tua bici: cerca sempre un supporto fisso ben piantato e che sia di un’altezza sufficiente da non consentire ai ladri di sfilare la bici.
In generale il modo più sicuro per legare la bicicletta è unire due tipi di antifurto: ad esempio un U-lock con una catena o un cavo, in modo da fissare sia il telaio che la ruota anteriore. Ricordati anche di mettere in sicurezza la sella e le parti mobili, anche per questo esistono diverse tipologie di antifurto.
Come non farsi rubare la bici: guida pratica per ciclisti
4 | Fai attenzione alla zona in cui lasci la tua bici
Sembra banale, ma l’ideale è lasciare sempre la bici ben in vista, magari su una strada trafficata, in questo modo il ladro avrà molte più difficoltà a forzare il tuo antifurto. Evita di parcheggiare la bici in luoghi isolati, nelle periferie o in zone ad alto rischio di furti. Se riesci inoltre a legare insieme più biciclette, il rischio di furto sarà decisamente minore!
 
5 | Rendi il tuo mezzo riconoscibile
L’ultimo consiglio che ti diamo su come non farsi rubare la bici è di rendere il tuo mezzo riconoscibile. Alcuni esempi?

  • Iscrivila al Registro Italiano Bici, che può essere un’utile alleato in caso di furto, aiutandoti a ritrovare la bici attraverso una pratica di recupero;
  • Scattale una foto, questo ti servirà sia per il Registro Italiano Bici, sia perché potrai postarla su gruppi facebook o community dedicate, in modo che altri utenti possano aiutarti nella ricerca;
  • Rendila riconoscibile dipingendola, montando accessori che la rendano unica e quindi, più facilmente individuabile.
  • Infine fotocopia un tuo documento d’identità, sfila una delle manopole ed infila la copia all’interno del manubrio, in questo modo, in caso di controversia davanti alle forze dell’ordine, potrai provare che la bici è effettivamente la tua.

Come non farsi rubare la bici: guida pratica per ciclisti


Articolo di Travel On Art