Storie di biciclette

#vadoafarmiungiro: il docu-film di Jovanotti sul suo viaggio in bici in Nuova Zelanda

Di Travel On Art il 06-09-2018

Iscriviti alla newsletter

Rimani aggiornato sui nuovi viaggi e sulle offerte

Torna al blog
Travel On Art

#vadoafarmiungiro: il docu-film di Jovanotti sul suo viaggio in bici in Nuova Zelanda

Se c'è una cosa che amiamo da sempre della bici è che quando si sale in sella, si entra a far parte di una grande, enorme rete di amici, con i quali si condividono avventure e disavventure. La bici unisce e fa bene al corpo e alla mente: questa però non è di certo una novità, lo dicono nel libro "Una bella bici che va" e in tante altre pubblicazioni sulle due ruote che ti consigliamo. Lo esprimono però anche con la loro arte gli street artist Mart e Hopnn che rappresentano bici coloratissime sui muri di tutto il mondo per celebrare il potere positivo di questo mezzo. Tutta questa positività ha contagiato anche un grande artista della musica italiana, Jovanotti, che nel 2017 ha deciso di partire per un viaggio - avventura davvero indimenticabile, da cui ne è uscito anche il docu-film #vadoafarmiungiro.

vadoafarmiungiro-jovanotti-nuova-zelanda-viaggio-in-bici

Jovanotti in bici in Nuova Zelanda

Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, ha una particolare passione per la natura e la bici, già nel 1998 prima della pubblicazione del libro "Il Grande Boh!" si era preso del tempo viaggiando in bici in solitaria in Patagonia, per ispirarsi alle persone e alle storie che incontrava. Diversi anni dopo lo ha rifatto, ma questa volta la destinazione è stata la Nuova Zelanda.
Jovanotti ha percorso 3000 km registrando video delle sue tappe quotidiane, che raccontano esperienze incredibili e anche qualche imprevisto, come spesso succede in questo tipo di avventure in bici. Un viaggio durato 20 giorni in un'isola a sud della Nuova Zelanda, affrontando 12.000 metri di dislivello e con 35 kg di attrezzatura. Tutto in solitaria, tutto per vedere questa parte di mondo così occidentale, ma al tempo stesso così governata dalla natura: in poche parole, un posto unico al mondo. Da questa incredibile esperienza ne è uscito un documentario-film chiamato appunto "Vado a farmi un giro" e poco prima della partenza, il cantante aveva lanciato sui social l'hashtag #vadoafarmiungiro.
Durante la pedalata in solitaria ha registrato oltre 40 ore di riprese, che sono state in seguito montate da un videomaker per realizzare il documentario. Ne è uscito un video di quasi un'ora, pubblicato su jova.tv in cui Jovanotti racconta le diverse tappe del viaggio in prima persona e in cui sembra di essere davvero in viaggio insieme a lui. Tutto quello che ha utilizzato è stata una GoPro montata sul casco, mentre il resto lo fanno i paesaggi della Nuova Zelanda, le riflessioni profonde del cantante e la colonna sonora, composta da lui stesso e ispirata proprio al suo amore per il viaggio.


Articolo di Travel On Art - foto di copertina Radio Deejay